top of page

Contratto di Prestazione occasionale 2023: cosa cambia?

Nei giorni scorsi molto si è letto circa un presunto "ritorno" dei cd. Voucher, in realtà trattasi della semplice revisione della regole per le cd. "prestazioni occasionali", vediamo, quindi, le novità che interessano utilizzatori e prestatori a decorrere dal 1° gennaio 2023.


Le nuove regole si applicano a tutti gli utilizzatori che hanno alle loro dipendenze non più di 10 dipendenti a tempo indeterminato e non si applicano più alle imprese agricole.

Innanzi tutto l’utilizzatore: potrà acquisire prestazioni di lavoro occasionali complessivamente, con riferimento a tutti i prestatori, per compensi di importo complessivamente non superiore a 10.000 euro anziché 5.000,00 euro come prima. Ne deriva è che ogni utilizzatore potrà occupare più prestatori a ciascuno dei quali eroga compensi nel limite di 2.500 euro pro capite.


Infatti restano invariati sia il tetto dei compensi per ogni prestatore, con riferimento a tutti utilizzatori, pari a 5.000 euro sia quello per le prestazioni complessivamente rese da ogni prestatore a favore del lo stesso utilizzatore, che è pari a 2.500 euro.

Altra novità l’applicazione anche alle attività lavorative di natura occasionale svolte nell'ambito delle attività di discoteche, sale da ballo, night-club e simili, di cui al codice ATECO 93.29.1.

Come accennato, le prestazioni occasionali in agricoltura sono state vietate e la loro disciplina, a partire dal 1° gennaio 2023, è disciplinata da un’altra normativa.


Resta in vigore il "blocco" in virtù del quale "non possono essere acquisite prestazioni di lavoro occasionali da soggetti con i quali l'utilizzatore abbia in corso o abbia cessato da meno di sei mesi un rapporto di lavoro subordinato o di collaborazione coordinata e continuativa.

Si ricorda, inoltre, che per le sole società sportive è possibile erogare compensi per ciascun prestatore, per anno civile, di importo complessivo non superiore a 5.000 euro. Per le stesse società, inoltre, permane la non applicazione del limite di compenso erogabile da ciascun utilizzatore con riferimento alla totalità dei prestatori pari a 10.000 euro dal 1° gennaio 2023.


I limiti, infine, relativi al compenso annuo riferiti a ciascun utilizzatore con riguardo alla totalità dei prestatori, devono essere conteggiati nella misura del 75% dell’effettivo importo del compenso per le seguenti categorie di prestatori: titolari di pensione di vecchiaia o di invalidità, giovani con meno di 25 anni di età, se regolarmente iscritti a un ciclo di studi presso un istituto scolastico di qualsiasi ordine e grado ovvero a un ciclo di studi presso l'università e persone disoccupate.


In pratica, un discreto allargamento dei potenziali utilizzatori con alcune compensazioni tese ad evitare che tali tipologie di rapporto divengano troppo “stabili” perdendo la marginalità che li contraddistingue.

11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

留言


bottom of page